Sport

Un’importante fonte di potassio: la banana

settembre 3, 2012 | Author: andreaserra | Filed under: Alimentazione,Salute,Sport

La banana è il frutto del banano. Viene coltivata per tutto l’anno nella fascia equatoriale del pianeta ma il suo consumo, tuttavia, è diventato usuale anche alle nostre latitudini. Questo è possibile perchè le banane vengono raccolte ancora verdi, e quindi acerbe, e fatte maturare solo successivamente a temperature refrigerate. Il sapore poco dolce delle banane acerbe è dovuto ala presenza di amidi ancora non ancora maturati in zuccheri.

La sua principale caratteristica, evidenziata dal titolo, è il notevole contenuto in potassio, un sale minerale fondamentale per il nostro organismo, in quanto è coinvolto nella trasmissione nervosa, nell’attività muscolare e cardiovascolare. Una banana è in grado di coprire il 20% circa del fabbisogno giornaliero di potassio. Inoltre essa è un’importante fonte di carboidrati a basso indice glicemico, vitamine ed altre sostanze che la rendono particolarmente adatta a supportare l’esercizio fisico (si pensi ad esempio ai tennisti che consumano banana durante i cambi-campo).

Tuttavia la banana ha anche altre caratteristiche benefiche: si pensa infatti che le sostanze in essa contenute siano in grado di sollecitare la produzione del muco protettivo gastrico e, quindi, prevenire problematiche quali l’ulcera e l’acidità gastrica. Inoltre la banana è nota per le sue qualità astringenti, motivo per il quale è particolarmente indicata nei casi di diarrea ed infiammazioni intestinali. Leggi tutto…

Attività fisica e dispendio energetico

aprile 30, 2012 | Author: andreaserra | Filed under: Alimentazione,Salute,Sport

E’ ormai risaputo che uno stile di vita sedentario, anche in età infantile, predispone all’obesità. La ragione principale, ovviamente, è il ridotto dispendio energetico che l’organismo deve affrontare, con ridotto esercizio fisico. Inoltre che c’è da ricordare che l’organismo aumenta la spesa energetica se la massa muscolare aumenta: infatti i principali processi metabolici avvengono a carico della massa magra. Incrementare la massa magra, quindi. è un importante obiettivo da raggiungere al fine di rendere il nostro metabolismo più attivo.

E’ proprio per questi motivi che il benessere fisico può essere raggiunto solo se si abbina una dieta varia e bilanciata ad un esercizio fisico quotidiano e non esagerato (spesso si consigliano 30 minuti di attività fisica aerobica non troppo intensa, per 3 giorni settimanali). A volte, tuttavia, incrementare l’attività fisica settimanale può voler dire semplicemente camminare invece di usare l’auto, salire e scendere le scale invece di prendere l’ascensore, scendere prima dall’autobus per passeggiare, ecc.

Leggi tutto…

Salute(?) all’italiana

maggio 6, 2008 | Author: rosisella | Filed under: Alimentazione,Salute

italianfood.jpgLa Salute all’Italiana? Pochissimo sport, tanti grassi e sigarette.

Ironicamente, una realtà contrastante con l’idea della buona salute del popolo Italiano che segue la dieta mediterranea. Ma cos’è successo alla dieta mediterranea e alle buone abitudine nello stile di vita dell’ Italiano?

I rapporti ci indicano che anche se mangiamo più frutta e verdura rispetto al passato , è pur certo che stiamo diventando più sedentari: si continua a muoversi poco e a bere alcol sin da giovanissimi, tutti fattori che in futuro influiscono in modo negativo per la salute.

Secondo dati nazionali descritti dall’Osservatorio Nazionale presso l’Università  Cattolica di Roma, la Campania è la regione con più giovani, la Valle d’Osta quella con più persone magre, le Marche la regione con persone più longeve mentre la Liguria è la regione più vecchia.
Leggi tutto…

Lo sport che aiuta a dimagrire

febbraio 17, 2008 | Author: rosisella | Filed under: Alimentazione,Salute

Lo sport per dimagrireAlcuni tipi di esercizi aiutano a dimagrire, insieme naturalmente ad una dieta ipocalorica. Il commercio del fitness ci mostra spesso come per perdere peso sia necessario acquistare pesi o macchinari adatti allo scopo, ma non tutti hanno abbastanza disponibilità di denaro o di spazio. Non è messa in dubbio la loro efficacia, ma è importante ricordare che non sono indispensabili per perdere peso: ci sono attività ugualmente efficaci che sono però più pratiche ed economiche.

L’ esercizio di resistenza (pesi) aiuta a controllare il peso o a perderlo, perchè aiuta ad aumentare la massa magra (muscolo) e a diminuire la massa grassa del corpo, tonificando e perdendo peso. Ma in realtà la principale funzione dell’esercizio di resistenza è aumentare la massa magra e tonificare. Per dimagrire l’esercizio ideale è quello di tipo aerobico: questo tipo di esercizio non solo è più efficace per la perdita di peso, ma è anche quello che apporta più benefici alla salute.

Leggi tutto…

L’Anemia dello sportivo

gennaio 20, 2008 | Author: rosisella | Filed under: Alimentazione,Salute,Sport

Anemia e sportGli atleti, specialmente quelli impegnati in attività di resistenza, hanno la tendenza ad avere livelli di emoglobina leggermente più bassi se paragonati con persone dello stesso sesso, razza, ed età ma che non sono sportivi.

Un basso livello di emoglobina viene chiamato anemia e, se presente in persona che pratica attività sportiva, “anemia dello sportivo”. Molti specialisti affermano che l’anemia dello sportivo è un concetto errato, perchè gran parte degli atleti maschi hanno una “falsa anemia”. Infatti, i loro livelli di emoglobina sono bassi perchè durante l’esercizio aerobico il volume sanguineo si espande ed fa diminuire la concentrazione delle cellule rosse che contengono l’emoglobina. Diciamo allora che si tratta di una “anemia per diluizione”.
Questa anemia per diluizione è un meccanismo di adattamento che ha il corpo dell’atleta durante l’allenamento.
L’esercizio intenso diminuisce il volume sanguigno dal 10 al 20% attraverso 3 diversi meccanismi.

Leggi tutto…

Uso ed effetti dell’ormone della crescita e del testosterone nello sport

ottobre 10, 2007 | Author: rosisella | Filed under: Salute,Sport

Sono diversi gli ormoni del nostro corpo che hanno effetti anabolici significativi per il cambio nella composizione corporale; sono principalmente l’insulina, l’ormone della crescita (HG) ed il testosterone.
Negli atleti si utilizzano supplementi di aminoacidi al fine di aumentare questi ormoni. Molti prodotti per atleti e sportivi, infatti, contengono piccole dosi di testosterone ed HG, e si utilizzano per aumentare la massa magra del corpo.

Ormone della crescita (HG)

L’HG è una ormone naturale del nostro corpo prodotto dall’ipofisi anteriore del nostro cervello, è un ormone anabolico che stimola la crescita delle ossa e del tessuto muscolare attraverso il metabolismo di proteine, grassi e carboidrati.
Esiste anche la versione sintetica di questo ormone sul mercato, sia quello legale (per terapie mediche) che illegale (vendita in palestre, internet, mercatini, ecc).
L’inizio del suo utilizzo fuori dagli ambiti medici e in particolar modo per il fitness è iniziato nel 1990.
In ambito medico, si utilizzano le punture di HG per bambini e anziani che hanno carenza di questa ormone a causa di una scarsa produzione da parte dell’ipofisi. Questo ormone provoca un cambiamento nella composizione corporale: diminuisce la massa grassa ed aumenta la massa muscolare. Per questo motivo, nella decade degli anni 90, il mondo del fitness incominciò ad utilizzare di maniera artificiale questo ormone, sia in pillole per via orale sia in punture, con l’obbiettivo di aumentare la massa magra prima di gare e competizioni, modificando in questa maniera il sano equilibrio ormonale dell’atleta.
Anni dopo, il dottor Frinch in uno studio dimostrò che l’aumento di massa magra provocato dall’HG, non si deve attribuire ad un aumento delle proteine, ma piuttosto ad un aumento del contenuto di acqua intracellulare nelle fibre muscolari; quindi è quello che si definisce un “falso positivo”, cioè una falsa illusione ottica quando in realtà il muscolo non cresce come tessuto proteico. Altri studi hanno riportato gli stessi risultati, quindi per anni tanti atleti del fitness hanno compromesso la propria salute rompendo l’equilibrio ormonale dei loro corpi, pensando di aumentare muscoli, forza e resistenza per le competizione; in realtà non c’è nessuna differenza di resistenza e forza muscolare fra chi durante gli studi prendeva ormone della crescita e chi placebo.
L’assunzione di HG non provoca nessun effetto positivo per l’atleta: non aumenta la forza, ne la resistenza muscolare; tuttavia è causa di diversi problemi di salute come ipertensione, resistenza alla insulina (iperinsulinemia) d rischio a soffrire di insufficienza cardiaca congestiva.
L’eccesso di HG provoca ingrossamento dei tessuti blandi, mani, viso e piedi.
I tessuti blandi più a rischio di ingrossamento sono il fegato e il pancreas, quindi l’atleta corre il rischio di diabete e malattie epatiche.
Il Comitato Olimpico Internazionale ha proibito l’uso di questo ormone per gli atleti, quindi qualsiasi vendita o uso è da considerarsi illegale.

Testosterone

L’altra ormone che generalmente si usa è il testosterone, l’ormone sessuale maschile prodotto dai testicoli.
Questa ormone fu utilizzato gia dal 1936 durante i giochi Olimpici di Berlino. Il testosterone diminuisce la massa grassa, aumenta la massa magra e aumenta la resistenza durante l’allenamento.
Il testosterone deve essere inettato, perchè per via orale verrebbe distrutto dagli enzimi dello stomaco.

Tuttavia esistono nel mercato degli steroidi anabolici androgeni (EAA): sono farmaci sintetici che cercano imitare le funzioni del testosterone senza provocare gli effetti negativi di aumentare i livelli di questo ormone nell’atleta. Questo farmaco può essere sia iniettato che assunto per via orale. Gli EAA sono farmaci molto utilizzati dgli atleti, specialmente quelli del mondo del fitness e da quelli che fanno esercizi di forza e resistenza.
Gli studi hanno dimostrato un aumento della massa magra con l’uso di questi farmaci.
Tuttavia, hanno pure dimostrato che provocano alcuni problemi alla salute, fra cui l’acne, perdita di capelli, aumento dell’aggressività, depressione, possibile idee suicide, e aumento della possibilità di commettere atti violenti, addirittura omicidio.
L’uso cronico nel tempo porta a soffrire di cardiopatia coronaria, perchè provoca modifiche nella struttura del tessuto coronario. Può anche provocare una diminuzione del colesterolo buono HDL, ed aumentare la pressione sanguinea. Un altro effetto negativo di lungo periodo è il danno a tendini e articolazioni del corpo: provoca un indebolimento con rischio di rottura.
Si sono verificati anche un alto numero di casi di epatopatie a causa di questi farmaci, incluso il cancro epatico.
In conclusione, i diversi Comitati olimpici e la FDA hanno considerato questi prodotti illegali e nocivi, relegandoli al solo mercato nero e negando il permesso sanitario per la vendita legale, visto i gravi danni che causano alla salute, specialmente sugli adolescenti.

Assunzione ed effetti della glutammina nello sport

ottobre 1, 2007 | Author: rosisella | Filed under: Alimentazione,Salute,Sport

La glutammina è un aminoacido (ovvero un prodotto finale dell’idrolisi delle proteine) non essenziale, cioè un aminoacido che il nostro corpo non riesce a sintetizzare da solo, e per coprire quindi il suo fabbisogno dobbiamo assumere alimenti che lo contengano.

Anche se la glutammina è un aminoacido non essenziale, in alcune circostanze come lo stress, le infezioni, un allenamento intenso o una malnutrizione proteica, viene chiamato “essenziale condizionato” o “semi essenziale”, per le importanti attività che svolge in queste determinate circostanze, nelle quali il corpo aumenta il fabbisogno di glutammina, e deve quindi essere assunto tramite integratori. Lo stesso vale per sportivi ed atleti ad alto rendimento.
Dove si trova la glutammina?
La maggior parte degli alimenti ricchi di proteine hanno anche un’adeguata quantità di glutammina. Sono ottime fonti di glutammina i latticini (latte, yogurt, formaggio), le carni, la frutta secca, la soia, il tacchino e i fagioli.

Leggi tutto…

Alimentazione, sport e difese immunitarie

settembre 21, 2007 | Author: rosisella | Filed under: Alimentazione,Salute,Sport

Ogni giorno siamo a contatto costante con fattori che colpiscono e debilitano il nostro sistema immunitario, aumentando il rischio di infezioni e malattie infettive. Ma anche un’ alimentazione poco sana e non equilibrata, il fumo, lo stress, i fattori ambientali, l’inquinamento e la mancanza di sport o attività fisica sono fattori che minano il nostro sistema immunitario nella risposta agli attacchi esterni.

L’ alimentazione gioca un ruolo fondamentale per il sistema immunitario, ed è risaputo che l’alimentazione si trovi intimamente relazionata con la forza delle difese del nostro organismo.
Il sistema immunitario ha infatti come principale funzione quella di proteggere l’organismo dagli attacchi e dagli effetti dei microrganismi, come batteri, virus e funghi. Quando il nostro corpo si trova sotto l’attacco di questi nemici, il sistema immunitario, quasi come un esercito, combatte producendo sostanze conosciute come linfociti T Killer.
Se il nemico trova un organismo poco nutrito e con carenze nutrizionali, avrà un campo di battaglia favorevole.

Leggi tutto…

Alimentazione e sport

settembre 18, 2007 | Author: marzia | Filed under: Introduzioni

L’attività fisica è essenziale per rimanere in forma e in salute, per questo è necessario affiancare sempre una sana alimentazione allo sport, per trarre i maggiori benefici da entrambi.
In questa sezione approfondiamo quindi il tema dell’alimentazione corretta e della salute dello sportivo, con particolare attenzione anche alla medicina dello sport.

Uso ed effetti della creatina nello sport

settembre 17, 2007 | Author: rosisella | Filed under: Salute,Sport

creatina.gif

La creatina è un aminoacido (componente delle proteine) presente nei tessuti del corpo umano, specialmente del muscolo (per il 95%), il resto si trova nel cuore e nel cervello. La concentrazione sanguigna normale di creatina è di 50 – 100 Mmol/L, e si forma dall’ unione di tre elementi: glicina, arginina e metionina. La sua formazione avviene principalmente nel fegato e nel pancreas e ha la funzione di riserva di fosfato altamente energetico. La creatina è utilizzata in forma di integratore sportivo perchè aiuta ad aumentare la massa muscolare e ne aumenta forza e resistenza, e quindi aumenta il rendimento sportivo nel lungo periodo, aiutando inoltre a diminuire la massa grassa del corpo.

La creatina viene utilizzata in ambito sportivo dal 1926, inizialmente solo per gli atleti che si allenavano con i pesi. Ma negli ultimi anni la creatina è diventata l’elemento più studiato nel campo della medicina dello sport, con lo scopo di aumentare il rendimento di atleti e sportivi professionisti.
Ciò ha reso la creatina è l’integratore più famoso e utilizzato, con una vendita a livello mondiale di circa 400 milioni di dollari all’anno.

Leggi tutto…

Gli integratori alimentari per lo sport: funzionano o fanno male?

settembre 14, 2007 | Author: rosisella | Filed under: Alimentazione,Salute,Sport

integratori alimentari per lo sport

Le corrette abitudini alimentari apportano in genere tutti i nutrienti necessari per praticare adeguatamente qualsiasi attività fisica, e per coprire interamente il fabbisogno nutrizionale ed energetico dell’atleta o dello sportivo. Nel 90% dei casi, se la persona segue una adeguata alimentazione per il tipo e la frequenza di attività che realizza, non ha bisogno di utilizzare integratori, soprattutto per non rischiare inutilmente di compromettere lo stato di salute con prodotti poco indicati o dannosi.

I supplementi o integratori nutrizionali per gli sportivi sono tantissimi, alcuni sono solo composti da minerali, altri solo da vitamine o aminoacidi (proteine): bibite energetiche, estratti vegetali, ecc. Se questi prodotti vengono utilizzati sotto controllo del nutrizionista o del medico sportivo, solitamente non si riscontrano problemi, ma in genere chi fa sport o attività fisica in maniera indipendente, assume alla cieca gli integratori senza conoscere quali sono quelli utili e quali quelli dannosi, e in dosi non controllate, che quindi possono più danni che benefici alla salute.

È comune il desiderio, per sportivi professionisti o sportivi amatoriali, di voler aumentare la massa muscolare con il minimo sforzo, e magari molti pensano che prendendo integratori di proteine per un mese otterranno un corpo simile a quelli dei culturisti che si vedono sulle riviste di fitness.

Ma la realtà è diversa.
La pubblicità inganna molto, soprattutto nel mondo degli integratori sportivi, per il quale non è disponibile una seria e scientica bibliografia a riguardo. Al contrario si trovano facilmente su riviste di fitness e giornali pubblicità e articoli senza alcuna base scientifica, cosa che provoca una diffusa disinformazione in materia.
Leggi tutto…

La tecnica Pilates

settembre 3, 2007 | Author: rosisella | Filed under: Salute

pilates.gif

Abbiamo imparato a capire che la buona alimentazione è la base di una vita sana, ma ora sappiamo anche che deve sempre essere accompagnata da costante attività fisica. Ci sono sport che servono solo a dimagrire (calcio, pallacanestro, pallavolo), altri utili per la salute cardiovascolare (camminare, maratona, nuotare, andare in bicicletta), altri solo per aumentare e tonificare la massa muscolare (palestra, pesi), ed altri , molto di moda, che servono alla salute, per dimagrire, tonificare e rilassare la mente dallo stress quotidiano: Yoga e Pilates.

Questi tipi di esercizi fisici sviluppano la forza fisica, l’ elasticità e la coordinazione del nostro corpo e della mente.

Nati come moda fra le attrici di Hollywood, oggi sono famose in tutto il mondo per i loro ottimi benefici alla salute. Queste tecniche regalano un corpo snello e tonificato, migliorano la postura della schiena, migliorano la respirazione, aiutano a rilassarsi, a diminuire i livelli di stress, a mantenere la mente concentrata ed allenata e ad aiutare a eliminare le tossine del organismo.

La tecnica del Pilates è nata a Dusseldorf, Germania, circa 100 anni fa; il suo creatore è Joseph Pilates, un ragazzo che cominciò ad esercitarsi con una tecnica di sua invenzione, con lo scopo di rinforzare la sua muscolatura indebolita dalla tubercolosi.

Per molti anni questo metodo è rimasto una pratica esclusiva per i ballerini del New York City Ballet, ma qualche tempo dopo cominciò ad essere famosa anche fra gli atleti.

La tecnica Pilates non è solo utile per le persone sane o per le persone che desiderano avere una buona linea e una buona salute, ma è anche una tecnica che può essere utilizzata dai fisioterapisti con i pazienti dalla mobilità limitata. Infatti già Joseph Pilates utilizzava la sua tecnica per la riabilitazione di malati e feriti della prima guerra mondiale.

Leggi tutto…