Cos’è la vitamina E?

giugno 18, 2012 | Autore: andreaserra | Scritto in: Alimentazione,Salute

Con il termine “vitamina E” si intende un gruppo di molecole denominate alfa-, beta-, gamma-, delta-tocoferolo di origine liposolubile, ovvero non in grado di sciogliersi nell’acqua. Tuttavia la più attiva è l’alfa-tocoferolo, per cui quando ci si riferisce a dosi, funzioni e fonti alimentari si intende questo composto.

Le funzioni svolte dalla vitamina E sono il mantenimento di pelle, mucose, muscoli ed organi riproduttivi. Ma soprattutto la vitamina E è un potente antiossidante, ovvero esercita una forte azione di neutralizzazione dei radicali liberi e quindi dello stress ossidativo. In questo modo i tessuti invecchiano più lentamente. Proprio per questa proprietà antiossidante i tocoferoli sono molto sfruttati dall’industria alimentare come additivi con le sigle E306, E307, E308, ed E309.

Generalmente una dieta varia e bilanciata è in grado di fornire abbondantemente i 10 mg/giorno di vitamina E, ovvero il fabbisogno giornaliero di questo nutriente.

Proprio per questo motivo una carenza di vitamina E è piuttosto rara, e può portare ad uno stress ossidativo, dovuto alla presenza dei radicali liberi, che non vengono neutralizzati. Sindromi da eccesso non sono previste, in quanto la vitamina E è facilmente eliminabile sia per via renale che intestinale.

Le principali fonti alimentari di vitamina E sono: oli vegetali, legumi, vegetali a foglia verde, germi di grano, uova, fegato, burro.

xygoxen

Non c'è ancora nessun commento.

Commenta questo articolo

Vuoi fare una domanda alla nutrizionista?
Vieni nel forum diete e nutrizione

I campi contrassegnati con " * " sono necessari.