La vitamina C

febbraio 20, 2012 | Autore: andreaserra | Scritto in: Alimentazione,Salute

La vitamina C è una molecola essenziale, ovvero  non può essere sintetizzata dall’organismo e può essere assunta solo con gli alimenti. Questa è una peculiarità dell’organismo umano rispetto agli altri animali, che, invece, possono sintetizzarla a partire dal glucosio. Nell’uomo infatti non esiste l’ultimo enzima coinvolto nella sintesi della vitamina C.

L’assorbimento avviene nel lume intestinale e si trova in circolo o nella forma libera o associata alla principale proteina plasmatica (albumina). La vitamina C (o acido ascorbico) è immagazzinata principalmente nel fegato, nel surrene, nel cervello, nell’ipofisi, nel rene e nel cuore. L’eliminazione, invece, avviene principalmente a livello renale sottoforma di acido ossalico.

La vitamina C svolge molteplici funzioni nel corpo umano, principalmente antiossidanti e quindi prevengono l’invecchiamento ed il danneggiamento dei tessuti.Partecipa al metabolismo del collagene, del ferro (ne facilita l’assorbimento) e di molecole specifiche (neurotrasmettitori), alla sintesi di acidi biliari e sostanze antinfiammatorie, e permettono lo smaltimento dell’istamina.

 La vitamina C inoltre migliora la risposta immunitaria, e facilita lo smaltimento dei farmaci. Contribuisce infine a inibire sostanze favorenti il cancro allo stomaco e all’esofago (nitrosammine).

Le fonti alimentari principali di vitamina C sono gli agrumi ed i kiwi. Inoltre considerevoli concentrazioni sono presenti nel peperoncino, mentre a livelli inferiori nel fegato e nel latte. Il fabbisogno giornaliero di questa preziosa vitamina è di 20 mg (per prevenire lo scorbuto), altrimenti nell’adulto è importante assicurarne almeno 60 mg.

Nel caso in cui questo fabbisogno giornaliero non venga rispettato si possono verificare diverse condizioni patologiche. Se nell’organismo c’è una carenza di vitamina C, si corre il rischio di essere colpiti dallo scorbuto, malattia che si manifesta con sanguinamenti delle gengive, mucose e cute e deperimento. L’eccesso di vitamina C, invece può favorire l’insorgenza di calcoli renali.

xygoxen

Non c'è ancora nessun commento.

Commenta questo articolo

Vuoi fare una domanda alla nutrizionista?
Vieni nel forum diete e nutrizione

I campi contrassegnati con " * " sono necessari.