Le vitamine: elenco e principali funzioni

dicembre 13, 2010 | Autore: andreaserra | Scritto in: Alimentazione,Salute

Le vitamine sono composti organici piuttosto eterogenei dal punto di vista chimico, che risultano indispensabili all’organismo per la crescita, l’integrità strutturale delle cellule e per lo svolgimento regolare dei processi metabolici.

Esse sono prive di valore energetico, sono molecolarmente semplici ed agiscono in modo molto specifico in dosi minime. Possono essere divise in due grandi gruppi: IDROSOLUBILI (vitamine B e C) e LIPOSOLUBILI (che possono accumularsi) (vitamine A, D, E, K).

VITAMINE IDROSOLUBILI

Vitamine B : a questo gruppo appartengono una serie di vitamine indispensabili sia per il metabolismo glucidico, che per quello lipidico e proteico. Esse sono le vitamine B1 (tiamina), B2 (riboflavina), B3 (niacina), B6 (piridossina), B12 (cobalammina) e acido pantotenico. Sono contenute principalmente nei cereali, nel lievito, nel fegato e nella carne e sono eliminabili tutte attraverso le urine.

Vitamina C (acido ascorbico) : è contenuta specialmente nelle verdure fresche, negli agrumi e nei kiwi. Le funzioni da essa svolte sono molteplici: partecipa al metabolismo del collagene e del ferro, permette il rilascio di segnali nervosi, permette la sintesi di ormoni, acidi biliari e prostaglandine (mediatori dei processi derivanti dalle infiammazioni), disintossica  e degrada sostanze esogene e farmaci, protegge dai radicali liberi,  dal cancro allo stomaco e all’esofago (interviene nel metabolismo dei nitriti), riduce il rischio  di ulcera da Helicobacter Pilori. Viene eliminata con le urine.

VITAMINE LIPOSOLUBILI

Vitamina A (retinolo o carotenoidi) : contenuta nei vegetali (specialmente nelle carote), nel latte, nel burro, nei formaggi, nel fegato. Svolge la sua funzione nei bastoncelli della retina (recettori per la visione crepuscolare) ed inoltre promuove la differenziazione cellulare.

Vitamina D (calciferolo) : può essere prodotta anche dalla cute irradiata dal sole, oltre che essere contenuta nell’olio di fegato di pesci e nel lievito. E’ attivata in due step prima nel fegato e poi nei reni. Essa agevola l’assorbimento intestinale del calcio e il suo trasporto nel sangue. Inoltre nel rene regola l’assorbimento di calcio e fosforo, ed inoltre, per mantenere un adeguato livello ematico di calcio, ottiene quest’ultimo dalla digestione dell’osso.

Vitamina E (tocoferolo) : è contenuto nei semi di cereali, negli ortaggi a foglia larga, nei semi e frutti oleosi, e negli oli. Inoltre, minormente, anche nel fegato, nelle uova e nei latticini. Essa ha funzione antiossidante, favorisce la sintesi dell’eme (componente dell’emoglobina) ed inoltre aumenta la resistenza ad infezioni e tumori.

Vitamina K : è contenuta negli alimenti vegetali, oltre che essere prodotta dalla flora batterica. La sua funzione è fondamentale per la coagulazione del sangue e per il rimodellamento osseo.

Una dieta priva di queste componenti, come si può facilmente immaginare, può causare importanti squilibri metabolici, ma, soprattutto nel caso delle vitamine liposolubili, è opportuno anche evitare il rischio di accumuli nell’organismo. Nel primo caso si manifesterebbero sindromi da carenza, nel secondo caso da eccesso. Naturalmente, come si può dedurre dalle fonti alimentari sopracitate, esse sono contenute negli alimenti in modo molto variegato, quindi, in linea molto generale, si consigliano regolari assunzioni di frutta e verdura fresca (4-5 porzioni al giorno) e il consumo di alimenti quali fegato e cereali.

xygoxen

Una persona ha commentato

dieta equilibrata=vita equilibrata!!!!!!!!!

samuel scritto il 4 marzo 2012 - 12:24 | Visit Link

Commenta questo articolo

Vuoi fare una domanda alla nutrizionista?
Vieni nel forum diete e nutrizione

I campi contrassegnati con " * " sono necessari.